tutti giù per terra

Non ho ancora rimesso a posto dopo il mio rientro a casa. A dire il vero ho ancora il trolley, con qualcosa dentro, che mi aspetta su una sedia. Ma non sono disordinata eh! No no no, insisto! Magari a volte un po’ pigra e lenta. Ma quando mi ci metto sono anche veloce e ordinatissima. Insomma sono un po’ strana ma anche brillante e simpaticissima. No? Ok basta autocelebrazioni. Volevo solo dire che, viste anche queste premesse, dopo che poco fa mi è caduto non ricordo cosa per terra, invece di riportare lui verso l’alto ho continuato la modalità da viaggio e tutti noi altri lo abbiamo raggiunto laggiù…. Alla fin fine, sapete che c’è? Mi piace truccarmi per terra!! 🙂 A presto!
icona-facebook-piccolatwitter-iconabadge_runner

 

 

Sempre sul “pezzo”! 

Ciao gente! Come va? Passato bene il weekendone lungo di Pasqua? Lo spero per voi. Io sto ancora assonnatamente riemergendo da questi giorni “strani”, passati bene tra sole e nuvole, spiaggia e sala da pranzo, cibo buono e prodotti contro il bruciore di stomaco, buona compagnia e voglia di spazi propri, rumorose risate e bisogno di silenzi, relax da vacanza e stress per trovare il posto giusto per truccarmi…. Eh si, non so voi ma io quando non sto a casa mia non mi sento mai pienamente comoda e a mio agio al momento del make up. Sarà solo una cosa psicologica forse, ma a volte finisce addirittura che mi ritrovo seduta per terra davanti uno specchio a fare il tutto e a maledire il posto che mi sta ospitando. Voi riuscite ad adattarvi facilmente ovunque? In ogni caso, tornando al titolo del post, festa e vacanza non hanno intaccato l’indole e l’abitudine: lo avevo detto che non era finita. Come vedete in foto ho fatto un secondo giro da essence. Per ora non ho ancora usato niente, ma ho di che ben ricominciare a provare e scrivere adesso. No? A proposito, cosa c’è di nuovo e imperdibile in uscita? 🙂
icona-facebook-piccolatwitter-iconabadge_runner

 

 

Pronta!

Davvero pronta? Ci sono passata da poco ma ogni volta è così. Sempre difficile coniugare le esigenze di spazio e comodità con quelle del maisenzamakeup al momento di fare un bagaglio. A prescindere dal tipo di viaggio. Stavolta comunque niente trasferta, ma weekend lungo di mare per me. La foto di prima mica era scelta a caso dal mio rullino digitale 😉 Riconoscete il posto? Dai vi aiuto, è un posto bellissimo del centro Italia… Io porteró con me quanto intravedete in foto. L’essenziale, no? Che dite mi basterà? Comunque non sto lontana da casa, al limite, se ho un urgenza posso fare un salto veloce 🙂 Felice Pasqua a tutt* voi

Dolci pensieri e dubbi confortanti

Messaggi così cambiano in meglio qualsiasi giornata! No? 🙂 Basta non cominciare a chiedersi troppo se è solo e tutto merito proprio o se c’è anche l’aiuto dell’ultimo blush provato, di quel mascara che non puoi farne a meno, di quel fondo insostituibile, di quel rossetto che pensi sia il migliore, di di di di… di quella miriade di prodotti vari, ma che comunque vuol dire che li stai scegliendo proprio bene! 😍

Smalti e Spalti

Oggi sono in vena, sarà la felicità per la mia candidatura accettata come blogger
Quindi voglio parlare un po’. In realtà scrivo, ma la vivo come se parlassi. Capita anche a voi?
Comunque voglio scrivere qualcosa di particolare. Non so come andrà a finire e mi viene un po’ da ridere, ma lo farò.
Voglio avventurarmi in un’ altra delle mie passioni, ma sempre dal lato glamour, dal punto di vista della make up addicted.
Già una volta ci ho provato, parlando della neve, stavolta la passione è forse un po’ più particolare, e certamente, considerando il potenziale pubblico, più “esclusiva”.
La mia passione in questione è il calcio. Aspettate, ho detto male forse. Si ok, amo il calcio, ma la passione di cui parlo, per affrontarla dal punto di vista beauty, è quella specifica per una squadra, e tutto quello che ne segue. Insomma sono una tifosa “praticante” e voglio parlare del make up da stadio. Chissà se mai qualcuno lo ha fatto prima?!? mmmmm da una veloce ricerca non sono la prima, ma comunque non credo sia un argomento proprio abituale. In attesa di riuscire a trovare l’argomento in cui sarò io la prima adesso dico la mia su questo. (L’ho già detto che sono megalomane no?).
Queste due passioni (calcio e make up) le ho più o meno da sempre, entrambe accese e irrinunciabili. Quindi ho dovuto per forza di cose imparare a farle convivere. Devo dire che ormai ci riesco anche abbastanza bene. Chiaro che andare alla partita di pomeriggio o di sera, a pochi km da casa, aiuta rispetto a una trasferta che prevede sveglia presto e viaggio, o addirittura una trasvolate aerea per l’europa. Ma in fin dei conti noi donne tutto possiamo, e in tutto riusciamo. Se vogliamo non ci ferma nessuno. Sia che siamo donne da spalti o donne da smalti, o come me da entrambe le cose. (confesso però, per l’aereo, soprattutto per i low cost mattutini, spesso si risolve con un ottima base e un paio di occhiali da sole. Poi una volta a destinazione ci lavoriamo per bene).
Premessa necessaria: io non vado in tribuna centrale o vip, e in posti comunque comodi, io vado per curve e settori ospiti e quindi il make up del giorno deve adeguarsi anche a questa ulteriore condizione.
Ehi niente paura, non date retta a come a volte ci dipingono. Sono una persona normale con i miei pregi e difetti. E sono sempre andata e tornata senza problemi. Ma non voglio dilungarmi su questo aspetto, diciamo sociale, torniamo a noi. Certo a volte è stata più dura, non troppo tempo fa una tracagnotta (avvicinandomi allo stadio perdo un po’ di aplomb, chiedo scusa e prometto di controllarmi) e struccata signora voleva sequestrarmi, all’entrata, il rossetto liquido di Too Faced. Questo qui (si tengo le cose in scatola, spesso, quasi tutte…. mai detto di essere normale, ricordate?):

TF

No dico vi rendete conto? Ve l’immaginate la scena? Come reagireste voi? E poi parliamo di violenza?!? ahahahah ok, ho detto che non esagero, sto scherzando, sia ben chiaro! In quell’occasione ho diligentemente riportato tutto in macchina. Non nego che ero seccata, anzi qualcosa di più, ma è andata così. In genere ormai questi inconvenienti riesco a superarli, faccio tutto quel che c’è da fare prima e dopo, e il durante me lo godo al meglio.
Ma veniamo al punto:
Allora partiamo col trucco da trasferta, che è più difficile. Bisogna tener conto del tempo previsto fuori casa e delle condizioni in cui si viaggia. Il rischio è che stando tanto fuori potremmo ritrovarci con qualcosa che cola in maniera inopportuna e antiestetica. Quindi direi:
trucco nude o comunque delicato, senza fare troppe sfumature o usare troppi colori, una cosa luminosa e che “stia lì”, senza doverla ritoccare troppo. Che finchè sei in macchina con gli amici magari risolvi, ma insomma, come detto, la giornata è impegnativa. Allora io in queste occasioni dico no agli smoky. La base deve essere perfetta e luminosa, non troppo pesante, con aggiunta di primer viso prima di tutto, in modo che tenga il più a lungo possibile. Poi un bel fondo che non lucidi “la zona T” dopo poche ore, correttore, cipria per fissare il tutto e un tocco di blush, per un effetto salute! Per quanto riguarda gli occhi, una bella riga di eyeliner tenuta estrema, anche waterproof perché no (non si sa mai), oppure tutte le tonalità di “marroncini begiolini”, un trucco c’è ma non si vede, sapete che intendo no? Oppure se la partita è più importante (questa non prendetela proprio sul serio eh) un rosato chiaro, leggermente più scuro all’angolo esterno dell’occhio, per dare più definizione e tanto tanto mascara, il mascara, per lo stadio, a badilate! Per la bocca direi colori sempre leggeri e facili da ritoccare, perchè sicuramente li ritoccheremo. Per esempio io in questi casi mi affido ai double touch lipstick di Kiko, rossetto liquido lunga tenuta, nelle colorazioni dal 100 al 107. Ah si dimenticavo, anche matita per definire la linea inferiore e superiore dell’occhio. In maniera leggera e sfumata. Al limite una sola, ma ci vuole!

Per il trucco della partita in casa in realtà non mi viene molto da dire di specifico, anche perché in casa si prevedono poche ore, a meno che poi non si faccia serata, ma in quel caso diventa “trucco uscita” e in ogni caso post stadio ci vuole ritocco importante. Quindi se andate allo stadio nella vostra città truccatevi seguendo l’ispirazione che andrà sicuramente bene! Ovviamente qualche considerazione importante ci vuole: se vai alla partita delle 12 (ma come si può far giocare una partita alle 12?!?) o delle 15 con uno smoky e le labbra rosse fuoco magari non è il massimo… ma poi in fin dei conti chi sono io per tarpare le ali all’estro? Credo di averlo anche fatto più di una volta in realtà. Anche perchè io amo i rossetti scuri e i nude li odio, ma a volte faccio di necessità virtù, a malincuore. Proprio io che a volte esco di casa la mattina con heroine o rebel a colorarmi le labbra (L’ho già scritto che la coerenza sempre e comunque è noiosa vero?)

Comunque, tornando a noi, in entrambe le situazioni, casa o trasferta, e come sempre, bisogna munirsi di pochettina con i prodotti per i ritocchi dell’ultimo minuto. A volte questo costringe a malincuore a lasciare le amate naked a casa. Ma questi sono dettagli legati all’umore del giorno, alle condizioni di spostamento, alla borsa che scegliamo, e anche (assurdo lo so) alla partita in programma. Ma comunque non si può mi uscire di casa senza nulla in borsa, neanche se vai al super a 500 mt da casa e torni subito! Giusto no? MAISENZAMAKEUP

Ecco questo è il mio pensiero sul make up da stadio. Voi siete tifose? Andate mai allo stadio? Come affrontate la cosa dal punto di vista del make up?

Come dite? Per che squadra tifo? Mmmmmmmm….. secondo voi? Come mi collochereste calcisticamente? Vediamo, chi indovina vince un consiglio per lo smalto da stadio (perchè tra battimani, abbracci, reazioni inconsulte ai gol o alle occasioni mancate anche questo non è mica un dettaglio. Quando avvinghio senza rendermente un malcapitato amico o sconosciuto e gli lascio qualche unghiata voglio farlo sempre in un certo modo!) 🙂

Spero di avervi intrattenuto allegramente e di esser riuscita a dare qualche consiglio valido.

Fatemi sapere. Anche qui:  Facebookicona-facebook-piccola             Twittertwitter-icona   

A presto.

Bagnetto

I pennelli “titolari” sono sistemati. Le riserve erano già ok. Peró sto pensando che è il giusto momento per migliorare e ringiovanire la squadra…. Non passa giorno senza che trovi qualcosa da comprare urgentemente 🙂

Succede anche a voi?

Se volete rispondetemi anche qui: Facebook   Twitter