Un grande incubo ricorrente: uscita imprevista e improvvisa

Non è stata una gran mattinata. Mi è successa una di quelle cose che temo (temiamo?) di più.
Forse la peggiore, escluse quelle proprio brutte brutte che qui non voglio neanche menzionare. Ebbene si, capita, di rado, ma con una strana e pericolosa ciclicità, quasi sospetta. Ma è pur sempre inattesa, imprevedebile e maledettamente fastidiosa e disarmante. Insomma dai, oggi mi è successo di dover uscire al volo, di corsa, senza preavviso, in maniera imprevista, senza poter dire no e senza poter aspettare…. vabè lo dico per bene: sono uscita senza trucco!!
Già ho pochi seguaci qui, adesso neanche più quelli 🙂  Aspettateeee! Giuro era inevitabile e non potevo prevedere prima e rimediare poi. Ho dovuto. Ho avuto solo il tempo di prendere il primo jeans appoggiato alla sedia più vicina, verificare che la felpa indossata fosse, non si sa mai, almeno vagamente accettabile, recuperare il mio cappello preferito e il giacchetto con cui mi sento più a mio agio, una pashmina e infine, inforcare gli occhiali! A quest’utimi ho avuto un brivido. I miei occhiali costosissimi stilosissimi di gran marca di cui vado orgogliosa meritavano altri accoppiamenti, ma nel sorridere di questo pensiero ho avuto anche la prima consolazione: si ok starò come sto, ma ho su un paio di occhiali
da paura!
Si ormai lo so che la normalità di pensiero e di azione in me è andata, e allora do sfogo anche a queste pensatone che mi passano per la testa. A proposito di testa, non voglio dettagliare, facciamo che il cappello oggi era proprio benedetto!
E niente, quindi è andata così, superata porta di casa ho smesso di pensarci, mi sono (ri)convinta di far parte della categoria di donne esaltata dal buon Casanova (sarà vero che lo ha detto?) e una volta fatto quanto dovevo fare, mentre tornavo velocemente a casa, prima che le convinzioni cedessero, ho avuto un ulteriore pensiero: ho valutato in quei momenti l’ipotesi legge di Murphy o comunque la veridicità di quel detto che dice che non appena esci in condizioni impresentabili, è scontato che di li a poco incontri il tuo Jonny Depp, o che ne so, qualcuno di altrettanto e di più interessante, irresistibile, imperdibile e così abbagliante e occludente che in pochi attimi ti annebbia vista e cervello e te ne freghi, togli i tuoi bellissimi e costosissimi occhiali (badando bene a dove posarli eh) e vada come vada…. Mi sono guardata un po’ intorno e, continuando a dirigermi verso casa, ho visto: fruttivendolo attempato su soglia negozio, guardia giurata sovrappeso davanti bar, dipendente supermercato in pausa sigaretta che si sistemava pacco sul marciapiede, uomopinguino con passo svelto, ben vestito e con un certo stile, ma troppo ben vestito e troppo pinguino per colpire, e infine vecchio compagno delle elementari (o erano le medie?) con famiglia rumorosa al seguito, a questo punto ho concluso, mentre finalmente rientravo, che queste credenze e questi detti forse non sono così infallibili e attendibili come si dice in giro….
Ma quel che conta, alla fine, oggi, è che, seppur con l’aggiunta della delusione finale, ho superato questo momento, che rimane uno dei peggiori che mi possano capitare. Adesso vorrei tuffarmi nei miei trucchi a mo di Zio Paperone nelle monete. Devo rilassarmi e dimenticare…. anzi vado a farlo davvero! Dopo appena posso torno qui più forte che mai!
A presto

One thought on “Un grande incubo ricorrente: uscita imprevista e improvvisa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...