Oggi make up low cost

Ebbene si, anche se ho svariati prodotti e diversi anche costosissimi. Questo tra l’altro a volte mi crea dei pensieri al momento di una spesa extra o di chiudere una cena fuori con un dolce o al momento di prendere quel drink in più. Quel bicchiere che poi da la via agli altri, per cui non ci pensi più, l’anello di congiunzione tra l’aperitivo normale e la bevuta svoltaserata. Ma vabbè non divaghiamo troppo.
Oggi trucco adatto per il raffreddore potente che mi sta sempre più schiacciando. Il selfie molto sexy del momento vede un naso gocciolante e due occhi lacrimosi…. questo mi fa supporre un eyeliner ad altezza ginocchia stasera, altro che aperitivo.
Ci penseremo più avanti. Come si dice, si vive alla giornata, e ci si pensa un po’ per volta.
E a proposito di giornata, sono emozionata per domani! Per dei motivi un po’, come dire, off topic.
Domani rivedrò i miei amori televisivi: The Vampire Diaries e The originals .
Non sono pucciosi come i nuovi blush garden di neve cosmetics , che per ora ho solo intravisto, ma sono comunque meritevoli.
A dirla tutta hanno tutta un altra pucciosità specifica, ma servirebbe un altro tipo di blog presumo 🙂
In attesa del domani, per oggi mi limito a quanto metto in foto, chissà che ne pensa chi lo vede…
E visto il low cost odierno per il weekend in arrivo mi riprometto, oltre agli aperitivi, anche un po’ di sano e soddisfacente shopping in tema make up. Poi avrò di che provare e anche di che scrivere e postare spero
A prestooooo

Una donna senza profumo è una donna senza avvenire

La frase non è mia… se qualcuno la legge poi commenti scrivendo l’autrice! Dai dai dai 🙂

Oggi giornata grigia, nebbia, impegni e umore un po’ così…. perchè? E che ne so, che ci sta un perchè per i cambi di umore? Che domande. Un po’ di buon umore però me lo sta mettendo la preparazione per uscire. Sono stranamente in anticipo e l’impegno che mi attende è piacevole, allora voglio scrivere qualcosa sul profumo prima di andare. Mi è capitato ieri di scambiare un opinione sul web, mi è rimasta questa idea, e oggi voglio dilungarmi un pelino di più.
Il profumo è l’accessorio di moda basilare, indimenticabile, non visto, quello che preannuncia il tuo arrivo e prolunga la tua partenza.
E’ sempre la stessa della frase che fa da titolo che lo dice… e come e perchè darle torto? 🙂
Io non sono molto varia nelle mie scelte e preferenze. Me ne piacciono pochi e per lo più quelli con base floreale.
Al momento il mio top è Chloè
Scoperto da poco ma è stata subito passione vera!
E questa passione nuova e fulminante si è subita messa a competere con la stabilità rassicurante e irrinunciabile di Issey Miyake . L’eau de toilette però. A me piace quello.
Questi 2 mi si stanno litigando senza esclusione di colpi. Ne sono molto lusingata ovviamente.
Loro sono veramente i miei profumi, quelli che quando stanno per finire mi mettono in agitazione e non posso far trascorrere troppo tempo prima di riavere le mie scorte.
Poi ci sono pochi altri che, a debita distanza, incontrano i miei gusti difficili e gradimenti centellinati.
Accordo Viola Erbolario ad esempio. Fresco ed estivo. Io lo “sento” così.
E poi 2 pezzi storici che non dimentico mai: ck one e il più difficilmente trovabile Escape.
Forse sarò un po’ troppo vintage, per non dire peggio, ma dai, appena li “sento” me ne frego, mi piacciono eccome e va bene così! Un altro che mi stuzzica per bene è Musk di Alissa Ashley.
Ma oggi è proprio giornata da Chloè. Posso andare verso il mio sicuro avvenire fiduciosa e con sguardo fiero, dietro i miei occhiali scuri!
A presto

MAC che amore

Visto quanto di imprevisto e inquietante mi è successo in mattinata, per proseguire bene la giornata mi servivano grandi certezze. E quindi, alla fine o quasi delle varie operazioni, sono finita a rimirarmi con gli occhi “sbirlluccicanti” i miei rossetti MAC. Si, loro sono i miei preferiti e sono fantastici! Credo di non dire niente di nuovo ed eclatante, lo so. Parlar bene dei rossetti MAC è un po’ come dire che Al Pacino è un grande attore, che Venezia è una città splendida, che Freddie Mercury era un grande, che Gossip Girl è stata una fantastica serietv, e via dicendo di questo tipo, ma come detto ero in vena di sicurezze.
Secondo me ogni donna, a meno che non debba scontare qualche colpa gravissima, meriterebbe di possedere almeno un rossetto MAC, che a parer mio è il rossetto per eccellenza. L’ho già detto? Si è capito che li adoro?
Insisto, e voglio sfogarmi:
MAC lispstick , esistono diversi tipi di finish, io voglio parlare un po’ dei miei preferiti: matte, retromatte e satin. I primi due resistenti a tutte le intemperie l’ultimo un po’ meno ma comunque resistente. Avere labbra ben idratate può aiutare per indossarli al meglio, perché questi finish tendono a seccarle un po’ e si potrebbe rischiare di ritrovarsi con delle antiestetiche pellicine in evidenza, ma con questa piccola accortezza si avranno labbra perfette per tutto il giorno!
Con loro addosso puoi parlare, mangiare, bere, fumare, ma si anche baciare (credo sia in arrivo un certo san valentino) e loro restano li, con il loro bel colore in mostra, senza andarsene in giro per il viso!
Proprio per San Valentino alle porte, diciamo no ai regalini, ai pensierini, ai cioccolatini, ai gioielli, ai mazzi di fiori… vogliamo mazzi di trucchi, in questo caso di rossetti. (Beh magari per i gioielli facciamo che il no non sia proprio secco, come per le labbra).
Che il nostro Valentino ci delizi in questo modo allora. E se Valentino non c’è peggio per lui, facciamo da sole.
Scelgo i miei 3 top: Rebel, D For Danger e Ruby Woo. Tre bei colori intensi e decisi. Anche tra i nude ce ne sono diversi degni di nota. In questo periodo sono follemente innamorata del mio ultimo “bimbo”: Brave
Si potrebbe stare qui a parlare di rossetti MAC per delle ore. Ma adesso non resisto più, devo andare a metterne su uno, di corsa!
A presto gente!

Un grande incubo ricorrente: uscita imprevista e improvvisa

Non è stata una gran mattinata. Mi è successa una di quelle cose che temo (temiamo?) di più.
Forse la peggiore, escluse quelle proprio brutte brutte che qui non voglio neanche menzionare. Ebbene si, capita, di rado, ma con una strana e pericolosa ciclicità, quasi sospetta. Ma è pur sempre inattesa, imprevedebile e maledettamente fastidiosa e disarmante. Insomma dai, oggi mi è successo di dover uscire al volo, di corsa, senza preavviso, in maniera imprevista, senza poter dire no e senza poter aspettare…. vabè lo dico per bene: sono uscita senza trucco!!
Già ho pochi seguaci qui, adesso neanche più quelli 🙂  Aspettateeee! Giuro era inevitabile e non potevo prevedere prima e rimediare poi. Ho dovuto. Ho avuto solo il tempo di prendere il primo jeans appoggiato alla sedia più vicina, verificare che la felpa indossata fosse, non si sa mai, almeno vagamente accettabile, recuperare il mio cappello preferito e il giacchetto con cui mi sento più a mio agio, una pashmina e infine, inforcare gli occhiali! A quest’utimi ho avuto un brivido. I miei occhiali costosissimi stilosissimi di gran marca di cui vado orgogliosa meritavano altri accoppiamenti, ma nel sorridere di questo pensiero ho avuto anche la prima consolazione: si ok starò come sto, ma ho su un paio di occhiali
da paura!
Si ormai lo so che la normalità di pensiero e di azione in me è andata, e allora do sfogo anche a queste pensatone che mi passano per la testa. A proposito di testa, non voglio dettagliare, facciamo che il cappello oggi era proprio benedetto!
E niente, quindi è andata così, superata porta di casa ho smesso di pensarci, mi sono (ri)convinta di far parte della categoria di donne esaltata dal buon Casanova (sarà vero che lo ha detto?) e una volta fatto quanto dovevo fare, mentre tornavo velocemente a casa, prima che le convinzioni cedessero, ho avuto un ulteriore pensiero: ho valutato in quei momenti l’ipotesi legge di Murphy o comunque la veridicità di quel detto che dice che non appena esci in condizioni impresentabili, è scontato che di li a poco incontri il tuo Jonny Depp, o che ne so, qualcuno di altrettanto e di più interessante, irresistibile, imperdibile e così abbagliante e occludente che in pochi attimi ti annebbia vista e cervello e te ne freghi, togli i tuoi bellissimi e costosissimi occhiali (badando bene a dove posarli eh) e vada come vada…. Mi sono guardata un po’ intorno e, continuando a dirigermi verso casa, ho visto: fruttivendolo attempato su soglia negozio, guardia giurata sovrappeso davanti bar, dipendente supermercato in pausa sigaretta che si sistemava pacco sul marciapiede, uomopinguino con passo svelto, ben vestito e con un certo stile, ma troppo ben vestito e troppo pinguino per colpire, e infine vecchio compagno delle elementari (o erano le medie?) con famiglia rumorosa al seguito, a questo punto ho concluso, mentre finalmente rientravo, che queste credenze e questi detti forse non sono così infallibili e attendibili come si dice in giro….
Ma quel che conta, alla fine, oggi, è che, seppur con l’aggiunta della delusione finale, ho superato questo momento, che rimane uno dei peggiori che mi possano capitare. Adesso vorrei tuffarmi nei miei trucchi a mo di Zio Paperone nelle monete. Devo rilassarmi e dimenticare…. anzi vado a farlo davvero! Dopo appena posso torno qui più forte che mai!
A presto

Da KIKO alla neve, passando per Lindsey Vonn…

Deliri e sogni di tarda mattinata.

Di ritorno da Kiko con il mio nuovo kajal KIKO matita burro ho avuto questa ispirazione….
A proposito, parentesi, la prima impressione dei miei nuovi acquisti è ottima! Sono belle morbide e scriventi come piace a me. E nell’esaltazione (si esaltazione, quando si fa shopping di questo tipo ci si esalta, no?) di questo acquisto inatteso, nato per caso da un tweet(!), ma ben riuscito, ecco che leggere questa curiosa e simpatica news

Sci, l’Austria in scia alla Vonn per i segreti di bellezza

riguardante questa bella ragazzona americana, nonchè campionessa e donna “ben sistemata” (sta ancora col povero Tiger Woods vero? Devo decidermi a seguire più e meglio il gossip), mi ha fatto pensare che è proprio vero, #maisenzamakeup è un concetto giusto e fondamentale, oltre che uno stile di vita e un piacere irrinunciabile.

Ora sono in attesa che venga reso obbligatorio (e gratuito ovviamente) un corso del genere in ogni ambito lavorativo!

Oltre che fare queste innocenti pensate ho fantasticato un po’ sulla neve, sulle vacanze invernali, su sciate rilassanti e anche, perchè no, su gare mozzafiato, ma sempre con stile, dalla partenza all’arrivo, proprio come fa la brava Lindsey Vonn. Ok ritorno sulla terra, anzi sulla neve, ma, seppur col mio stile da settimana bianca, non vedo l’ora di poter fare una bella discesa!
Un nevoso saluto a chi legge.
A presto

Fondotinta Sublime PuroBIO Cosmetics

Che altro aggiungere? un nome una garanzia. No? Vabbè ma qualcosa la dico comunque: colorazione 03 biologico, per amanti del bio e del buon “inci” come me. Ho appunto amato questo fondo fin dalla prima applicazione… no non è vero, l’amore a prima vista non esiste. Alla prima applicazione sono rimasta sconvolta: prodotto super pastoso e ad asciugatura rapida, ma che dico rapida istantanea. Infatti ero istantaneamente a chiazze, perché io abituata a fondi liquidi e facili da lavorare sono andata ovviamente a stendere il prodotto con i polpastrelli, un disastro! Non mi sono arresa, lo avevo scelto, avevo deciso che lui era il fondo che faceva per me, con quel nome, caro ‘sublime’ non puoi deludermi. Al primo incontro non scatta l’amore ma l’interesse c’è, quindi nei giorni a seguire mi armo di pazienza e beauty blender e il risultato è cambiato totalmente. Beauty blender umida e mi si è aperto un nuovo mondo… eccolo li il mio fondo del ❤️  Il top l’ha raggiunto con l’acquisto del pennello a setole piatte sempre di puro bio il numero 03 (anche su di lui ci sarebbe da parlare…). Coprenza alta ed omogenea. Certo è da lavorare velocemente perché, come detto, si asciuga subito, ma facendo attenzione a questo piccolo particolare il gioco è fatto. Non si sente sulla pelle e nel mio caso non ci sta neanche bisogno di cipria per fissare il tutto. Per chi volesse una coprenza media è meglio a parer mio usare la beauty blender umida. Costo accessibile (13,90 circa mi sembra) e dispnibile in 6 colorazioni.

make up, giochi e coerenza

Rieccomi qua.
Mi hanno detto che i veri blogger non fanno differenza tra weekend e settimana, ancor meno i fashion blogger. Ma io sono sono molto fashion e per niente blogger. Almeno per ora. Come blogger sto ancora prima dell’inizio mi sa.
E quindi nel weekend niente giro da queste parti, ahimè. E qui devo ancora fare un sacco di cose, mi pare di aver fatto un nuovo trasloco e di dovermi dar da fare con arredamento, accessori, rifiniture etc… Invece ho avuto da fare col mio tigrotto, che ha dei problemini che speriamo di risolvere a breve.
Niente di grave amici degli animali, no non ho testato su di lui la nuova coloratissima collezione MAC. Non l’ho testata neanche su di me a dire il vero. Anche perchè non è ancora uscita che io sappia. La nuova Poesia Collection per l’estate 2016. Ovviamente è “Limited Edition” e altrettanto ovviamente la devo avere! Sono già in fervente attesa ma al momento non posso neanche aspettare notizie impressioni giudizi o chiedere consigli qui, per ora, magari chiederò in giro e leggerò qua e la cosa ne dicono siti di colleghe più seguite ed esperte. Oddio ho detto colleghe?!? La cosa mi starà mica sfuggendo di mano?!?
Saranno strascichi del weekend che mi offuscano…. comunque esageratamente o meno che sia, al momento non posso che fare un bel monologo, accalorato e passionale, e continuare a tuffarmi in questo mondo come farebbe un bimbo nei suoi giochi.
A proposito di giochi, provo a essere blogger va, l’altra sera pensavo proprio ai giochi. Chissà che giochi, si chiederebbe un improbabile lettore o un ipotetica lettrice
Beh… dopo due serate consecutive in cui casualmente alla tv ho avuto la fortuna di imbattermi in un film con Johnny Depp va da se che poi accendere la tv sia diventato un qualcosa di difficile, considerando l’inevitabile delusione del confronto.
Ma l’altra sera, non ricordo bene come, ho avuto modo di vedere qualche scena delle famose 50 sfumature di grigio. La delusione del confronto non è stata evitata, ma mi ha colpito altro: sarò io, sarà la mia deformazione, sarà non so cosa, ma a me il titolo fa pensare agli ombretti non ad altro. Dal grigio chiaro allo scuro, anzi dal tortora al topo e fino all’argento. Si si pure il topo! Difatti dopo questa riflessione sui grigi alla prima occasione, prima di uscire, ho usato tra le altre cose la mia Urban Decay Electric.
Si per coerenza, ovvio, che c’è da dire?!?
Ma ho comunque continuato a fantasticare sulla mia stanza dei giochi. Altro che quella di Mr Grey. Io la vedo piena di trucchi smalti rossetti palette matite pennelli profumi bagnoschiuma e chi più ne più ne metta. Si la mia stanza dei giochi la voglio così, che il mio mister Grey lo sappia. Il resto va in secondo piano.
Anche tu Christian Grey o chi per te!
Al Pacino in un bel film si spinge fino a dire che in fin dei conti l’amore non è biochimicamente diverso da una scorpacciata di cioccolata. Potrebbe aver ragione no?
Adesso però vado a scegliere per bene trucco e outfit per oggi, ho un appuntamento per pranzo.
La coerenza è importante, ma a volte anche noiosa 🙂
A presto…..

Che mondo sarebbe senza make up?

kiko

Ho trovato il cuore che cercavo!!
Detta così suone bene? Boh, comunque ho trovato il rossetto di cui ho scritto ieri. Kiko Endless Love. Il numero 5 ho preso. Il 4 e il 6 li ho fissati a lungo però. Alla fine “in medio stat virtus” (che non c’entra niente con le motivazioni della mia scelta istintiva, ma una frase del genere in certi ambienti fa molto chic no?) e quindi solo il 5 per me. Per ora……
Ieri giornata piena e intensa, lo avevo detto no? Quindi avrei tante cose da dire, ma come non parlare del cuore?
A proposito, sapevo già che non avrei avuto il coraggio di usarlo, ma poi che mi capita? Lo apro e scopro che il cuore è anche dentro! Si insomma dai, l’interno, lo stick, non è cilindrico, circolare, non esce tondo, a punta, a scalpello o come cavolo si voglia dire, insomma dai, questo rossetto è in tutto e per tutto a forma di cuore.
Bello, no che dico bello, è….. puccioso! Pucciosissimo! Si vede no?
E quindi niente, come si può rovinare un cuore?!? Vabbè l’elenco delle modalità possibili credo sia conservato in un qualche museo importante ed è in continuo aggiornamento, ma qui parliamo di altri cuori.
Sto ondivagando lo so, ma oggi è una giornata un po’ così. Sonno e pensieri. Postumi serata e preparazioni weekend.
A volte la vita ci chiede davvero di esser resistenti e capaci eh 🙂 .
Ma torniamo a noi. Il cuore rimarrà intonso. Si ogni tanto uso parole belle e altisonanti. Sarà il mio animo nobile, la mia estrazione sociale, chi lo sa. Comunque non riesco a usarlo. Forse ne andrò a comprare un secondo, per usarlo, e magari finirò col prenderli tutti, e doppi, oppure mi macererò nel dubbio e nell’indecisione, e nel frattempo mi delizierò con la matita e lo smalto che hanno accompagnato il cuore puccioso verso di me. Si pensavo che per dar scossa alla giornata potrebbe essere un buon modo, ma poi qualcuno mi ha anticipato e ha fatto forse anche meglio: mi arrivano cuori anche a casa! Si! Sephora, che ha sempre un occhio di riguardo per chi lo merita, mi ha recapitato una bella cartolina cuoriciosa in cui si esalta l’aMMore. L’aMMore per gli sconti sugli acquisti ovviamente. E adesso cosa scelgo? Cosa mi serve? Cosa voglio? Manca solo dove andiamo e da dove veniamo, se comincio questa missione ne sarò assorbita in stile serietv preferita in streaming, già lo so!
Insomma si accumulano sensazioni informazioni pensieri possibilità… non è mica facile! Ma è una bella inquietudine dai.
Nel frattempo ho come certezza il mio nuovo correttore cancella età, instant antiage. Arrivato nel mio mondo anche lui ieri, col gruppetto di amici kiko. In certi momenti inevitabilmente ci si rivolge verso approdi sicuri. Già il nome di per se è di aiuto, è fomentante direi, adesso aspetto anche gli effetti annunciati. Correzione e Ringiovanimento… “e che te lo dico a fa”
Nell’attesa di avere presto un perfetto aspetto preadolescenziale però devo anche dedicarmi all’immediato. Ad esempio usare tutto ciò di cui ho appena parlato, tranne quel rossetto ovviamente, e poi curiosare vivacemente nel mondo circostante e vedere, col giusto spirito, cosa propone oggi. Eh si…. che mondo sarebbe senza make up!

Cuore e Calorie

ENDLESS LOVE lipstick - 03 cute cherry
“CUORE”

Ieri cercavo questo rossetto col cuore!
Si lo so… ha un nome, una marca conosciuta, probabilmente anche un numero di serie o simile. Ma per me era il rossetto col cuore, non la facciamo complicata. Anche perchè se non aveva il cuore non andavo a cercarlo, mi pare ovvio no?
Come al solito la mia prima ricerca è andata male. Non so perché ma quando esce una collezione nuova e sento e leggo in giro che la gente già ha acquistato, e mostra felice il suo prodotto nuovo, per me parte la missione speranzosa per negozi…. e non trovo niente!
Potrei fare una lunga lista di esempi simili. Anche perché collezione nuova e collezione limited edition nella mia mente si traducono in “bisogna prepararsi, uscire, andare, cercare, comprare, avere!!!”. Poi magari anche usare non è detto, il bello di questo genere di COSA è averla e rimirarsela per bene a casa. Poi chissà. A volte è un prodotto che neanche uso o mi piace. Ma intanto ho la mia Limited Edition! Tiè!!
Comunque tornando al cuore, non l’ho trovato uffa! Ho fatto un giro al freddo infruttuoso. Se non vogliamo considerare fruttuoso il cioccolato caldo (con panna!!) preso in una pausa, un incontro imprevisto, e alla fin fine non così memorabile, e quant’altro ho comprato e che non avevo la minima intenzione di comprare.
Si perchè poi una volta che levi la felpa “only-at-home” ti trucchi ti prepari ti vesti a modo esci prendi freddo stai in giro…. tornare a casa con le mani vuote, e al caldo in tasca, mi sembrava brutto. Al mio portafogli sembrava invece un ottima cosa, ma vabbè, anche lui alla fine ha ammesso che avevo ragione. Io ho sempre ragione, manco a dirlo no?!?
Quindi missione ricerca cuore si è trasformata in ritorno alla base con più calorie e meno soldi… ma non voglio mica vederci nessun altro significato in questa trasformazione di intenti e risultati. Oggi sono di buon umore (non durerà naturalmente), sarà che ho in più, rispetto a ieri, un libro che ancora deve convincermi, una spazzola ancora da provare, un gratta e vinci ancora da grattare e un nuovo aroma Nespresso da sperimentare. Insomma giornata piena per me! Ah forse cerco il cuore anche oggi chi lo sa…. lo scriverò qui dopo. Altrimenti che ci faccio col blog?!? 🙂

Cominciamo!!

946117_656061501163388_3069825074215010130_n

Oggi è il 20 gennaio del 2016.
E adesso? Si, adesso, cosa si scrive in un blog appena aperto?!?
Potrei cominciare dicendo che ovviamente questo non sarà il solito blog uguale a tutti gli altri che parlando di make-up di trucchi e dintorni, questo sarà molto diverso e tanto migliore, ma poi come faccio a “linkarli” gli altri per meglio scalare verso il successo? Per tirarmela magari aspetto un pochino dai….
Allora potrei raccontare qualcosa di personale su chi scrive, ma perchè annoiare fin da subito e perdere quelle pochissime (per ora) fortunatissime persone che leggeranno i miei pensieri?
E quindi potrei cominciare a scrivere di quello di cui mi riprometto di scrivere qui, ma forse partire sparati fin da subito commentando e giudicando o addirittura dando dritte non è la strada giusta; e chi lo sa…
E allora? Vediamo, l’obiettivo qui è trovare qualcuno, anzi tantissime persone, con cui condividere le mie idee, sensazioni, esperienze e anche follie e amenità riguardo al fantastico mondo del make up. Per andare oltre le solite persone conosciute che ormai per evitare il discorso si inventano una telefonata importante e scappano o le altre persone più normali che ti circondano che non hanno la stessa predisposizione (o malattia?) e che non ti capiscono, che pensano che stai esagerando, e che poi magari ti mostrano tranquille il loro nuovo mascara di Dior, comprato a caso e che tu non potresti forse permetterti.
Spero che questo posto, per ora un po’ scomodo, ma che sto cercando di abbellire e arredare al meglio, diventi presto un ritrovo fashion, esagerato e un po’ pazzo, per gente altrettanto sopra le righe per quanto riguarda questo aspetto. Ma il giusto, senza esagerare, perché come disse Marylin “il fascino è discreto, garbato, fine e non ostentato.”